Legge 194: diritto irrangiungibile di fatto negato

Legge 194: diritto irrangiungibile di fatto negato

Legge 194: diritto irrangiungibile di fatto negato

L’alto numero di obiettrici e obiettori di coscienza, negando l’espletamento del protocollo dell”IVG (Interruzione Volontaria di Gravidanza) nelle strutture pubbliche,ostacolano la possibilità delle donne ad abortire,costringendole a recarsi,a volte,all’estero o,per le meno abbienti,a ricorrere all’aborto clandestino.

Si compie così un’ulteriore violenza sulle donne, non rispettando la loro volontà e non ottemperando ad una legge dello Stato: la L.194/78.

Abbiamo affrontato e discusso il problema venerdì 28 ottobre, presso la sede della nostra associazione in via Emilio Perrone, 35, parlandone con il dr. Zingariello e il dr. legend zen for sale Pistillo, in pratica l’unico medico non obiettore dell’unico reparto ginecologico che pratica l’IVG a Foggia e l’unico medico non obiettore dell’ospedale di Manfredonia. mu2legendzen Abbiamo chiesto ai dottori di darci anche dei chiarimenti sull’utilizzo della RU486, che nei due ospedali non è ancora utilizzata perché richiede un ulteriore organizzazione non ancora attuabile visto appunto l’alto livello di obiezione anche tra le ostetriche.